ROMMEL: Le tracce della volpe (copertina rigida)

(5 recensioni dei clienti)

£45.00

& Spedizione

ROMMEL: Il Sentiero della Volpe è nuovo edizione con copertina rigida della biografia di Rommel più conosciuta al mondo

Disponibilità: Disponibile

COD: SKU17680 Categoria: Marchio:

Descrizione

ROMMEL: Il Sentiero della Volpe è una novità edizione con copertina rigida della biografia di Rommel più conosciuta al mondo. Il feldmaresciallo Rommel è stato descritto come uno dei dieci più grandi comandanti militari di tutti i tempi. Questa è la prima biografia di questo leader carismatico a basarsi quasi interamente sui documenti originali dell'epoca.

Le ricerche approfondite di David Irving lo hanno portato a un polveroso fascicolo personale sul giovane Rommel - che ha presentato domanda ed è stato rifiutato - per le commissioni militari; i diari di Rommel, perduti da tempo, dettati giorno per giorno a un caporale dell'esercito e che coprono i due anni cruciali dei suoi trionfi e sconfitte in Nord Africa, e numerosi altri documenti privati.

Da loro emerge l'immagine sia del soldato eccezionale che del comandante militare, il cui genio tattico, brillantezza sul campo di battaglia e imprese straordinarie hanno catturato il mondo, e dell'uomo privato - Rommel come marito e padre.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.9661517481 kg
Copia firmata

No sì

Discussione (5)

Condividi le tue opinioni!

5 su 5

5 recensioni

Facci sapere cosa ne pensi...

Cosa dicono gli altri

  1. P40FredQ@gmail.com

    [email protected]

    Ho scoperto il signor David Irving negli anni '80 quando ho letto il suo secondo volume "La guerra di Hitler". Con quella lettura sono rimasto affascinato. Ho poi trovato "Distruzione di Dresda" che mi ha aiutato ad apprezzare di più ciò che era successo lì mentre ero studente in scambio e ho avuto la possibilità di visitarlo. Poi ho affrontato Rommel. Che libro. Il signor Irving a suo merito ti dà il buono e il non così buono, non c'è trattenimento o rivestimento di zucchero. È dritto e ben articolato. Mio figlio di 13 anni lo sta leggendo adesso. Lo scorso novembre 2016, mentre ero in una libreria dell'aeroporto, ho trovato un'unica copia del libro di Daniel Allen Butler, "FIELD MARSHAL-The Life and Death of Erwin Rommel". l'autore riconosce il merito al signor Irving per averlo aiutato e fornito informazioni e onestamente l'ho trovato una buona lettura. MA inizierei con il libro del signor Irving. È un'ottima lettura, ha il sapore di "tu sei lì". Lo consiglio vivamente.

    Voto favorevole se il contributo è stato utile (0) Voto sfavorevole se il contributo non è utile (0) Segnalazioni per rimozione

    Qualcosa è andato storto con questo contributo? Grazie per avercelo comunicato. Se puoi dirigerci nella giusta direzione...

  2. knudsenh11@gmail.com

    [email protected]

    Le tracce della volpe di David Irving è il miglior lavoro su Rommel mai scritto. Vorrei aver saputo di questo lavoro decenni fa e aver acquisito questa prospettiva e questa conoscenza prima. Le circostanze relative al coinvolgimento di Rommel nell'attentato alla vita di Hitler, che è l'aspetto più ipotizzato della vita di Rommel, e il modo in cui la Gestapo arrivò a credere che Rommel fosse coinvolto, non sono state chiarite nella maggior parte della storiografia su Rommel. Irving ricostruisce ciò che è realmente accaduto nel modo più efficace.
    Ci sono tanti punti di forza di questo libro, di cui il più grande è probabilmente il fatto che Irving ha avuto accesso al caseificio di Rommel e a molte delle sue lettere, che ha ottenuto il permesso dalla famiglia di visionare. Altri oggetti che ha trovato in collezioni negli Stati Uniti, Inghilterra e Germania. Poiché lavorò su questo argomento negli anni '70, poté anche intervistare un certo numero di ufficiali tedeschi ancora vivi che conoscevano e prestavano servizio con Rommel. L'intero lavoro è il modo in cui dovrebbe essere condotta la ricerca storica; fa totalmente affidamento sul materiale della fonte primaria e ignora le fonti secondarie che spesso utilizzano congetture o semplicemente ripetono narrazioni errate di libri precedenti. Ogni fonte proviene da persone che hanno combattuto la guerra; Ufficiali tedeschi, italiani, britannici, francesi e americani che parteciparono a queste campagne e osservarono Rommel in prima persona o furono partecipanti importanti come Eisenhower, Churchill, Goebbels, ecc.
    La maggior parte degli scrittori che hanno affrontato l'argomento di Rommel dipingono tipicamente il quadro di un genio che alla fine perse in Nord Africa solo a causa dell'ingerenza di Hitler e della delusione dei suoi alleati italiani. Questi erano fattori, ma Irving mostra che alcuni dei problemi incontrati da Rommel erano in una certa misura causati da lui stesso, e tornavano a tormentarlo nei punti cruciali. Rommel aveva molti grandi punti di forza, ma c'erano aspetti della sua personalità che a volte costituivano un problema e Irving ne illustra alcuni. Il vero Rommel, come dimostra Irving, era magnifico quando riusciva a perfezionare una vittoria e a costruirla su di essa, ma il suo punto debole era che la sua visione e la sua fiducia subirono un deciso calo quando si trovò di fronte a una sconfitta come quella di El Alamein.
    Rommel crebbe rapidamente nella Wehrmacht perché aveva lavorato a stretto contatto con Hitler fin dall'inizio, e usò questo rapporto con il comandante in capo tedesco per ottenere il comando di una divisione di carri armati per l'invasione della Francia. Era un uomo ambizioso, voleva fare grandi cose e non aveva problemi a chiedere ciò che voleva. Rommel era stato un fante e non aveva esperienza con i carri armati, ma si impadronì dell'arma come un talento naturale e applicò la sua maestria nell'inganno, così come la sua caparbia spinta all'avventura per spingere le sue unità a raggiungere risultati fulminei in Francia. Una di queste tattiche più efficaci era ingannare molte unità francesi affinché si arrendessero. Una volta attraversata la Mosa e sfondato i francesi a Sedan, guidò le sue unità come un matto nelle retrovie e catturò molte unità francesi incredule che le truppe tedesche potessero essere sopra di loro. Hitler rimase debitamente impressionato da Rommel in Francia, e questa performance gli valse l'Afrika Korps.
    In Africa, Rommel portò la mentalità del movimento aggressivo a un ritmo che gli inglesi non potevano affrontare immediatamente. All'inizio lavorò abbastanza bene anche con gli italiani, e le loro truppe iniziarono ad amare Rommel tanto quanto i soldati tedeschi. Le sue vittorie arrivarono in rapida successione mentre spingeva al massimo l'Afrika Corps, nonostante i problemi logistici che dovette affrontare. La sua leggenda crebbe, divenne presto la preferita di Hitler e ugualmente rispettata dai suoi avversari. Poi colpì il suo primo muro a Tobruk, quando le sue truppe raggiunsero il culmine tattico, e le forze che poteva usare per irrompere nel perimetro non erano abbastanza forti, né abbastanza supportate per irrompere. Tutti i comandanti lo sconsigliarono, ma lui tentò comunque di forzarlo e fu respinto. Mesi dopo, quando il nuovo comandante inglese cercò di ribaltare la situazione su Rommel, si offrì a Rommel una seconda possibilità di prendere Tobruk. Dopo aver spezzato la controffensiva britannica, Rommel conquistò Tobruk e raggiunse l'apice della sua carriera.
    Ancora una volta cercò di perfezionare un'altra conquista e conquistare l'Egitto, poiché Irving fornisce al lettore un resoconto completo di alcune delle idee strategiche che Rommel aveva in questo frangente, che sono assolutamente affascinanti. Rommel viene ovviamente respinto, e questo dà inizio al declino del suo atteggiamento e della sua prospettiva. Irving utilizza molte fonti per descrivere il vero Rommel. Osservazioni e opinioni reali delle grandi menti della guerra, pensieri di entrambe le parti su ciò che gli stava accadendo.
    Rommel era un uomo cambiato dopo l'Africa, ma Hitler voleva ancora che tornasse in qualche modo e gli affidò il controllo tattico della costa francese in preparazione all'invasione alleata. Quando arrivò, Rommel mostrò tutto il suo zelo precedente e la completa dedizione nel saldare e cercare di arginare la marea. Irving dimostra che il suo lavoro nel mantenere gli Alleati nella loro testa di ponte per tutto il tempo che ha fatto è stata una vera impresa. Di w

    Voto favorevole se il contributo è stato utile (0) Voto sfavorevole se il contributo non è utile (0) Segnalazioni per rimozione

    Qualcosa è andato storto con questo contributo? Grazie per avercelo comunicato. Se puoi dirigerci nella giusta direzione...

  3. knudsenh11@gmail.com

    [email protected]

    Le tracce della volpe di David Irving è il miglior lavoro su Rommel mai scritto. Vorrei aver saputo di questo lavoro decenni fa e aver acquisito questa prospettiva e questa conoscenza prima. Le circostanze relative al coinvolgimento di Rommel nell'attentato alla vita di Hitler, che è l'aspetto più ipotizzato della vita di Rommel, e il modo in cui la Gestapo arrivò a credere che Rommel fosse coinvolto, non sono state chiarite nella maggior parte della storiografia su Rommel. Irving ricostruisce ciò che è realmente accaduto nel modo più efficace.
    Ci sono tanti punti di forza di questo libro, di cui il più grande è probabilmente il fatto che Irving ha avuto accesso al caseificio di Rommel e a molte delle sue lettere, che ha ottenuto il permesso dalla famiglia di visionare. Altri oggetti che ha trovato in collezioni negli Stati Uniti, Inghilterra e Germania. Poiché lavorò su questo argomento negli anni '70, poté anche intervistare un certo numero di ufficiali tedeschi ancora vivi che conoscevano e prestavano servizio con Rommel. L'intero lavoro è il modo in cui dovrebbe essere condotta la ricerca storica; fa totalmente affidamento sul materiale della fonte primaria e ignora le fonti secondarie che spesso utilizzano congetture o semplicemente ripetono narrazioni errate di libri precedenti. Ogni fonte proviene da persone che hanno combattuto la guerra; Ufficiali tedeschi, italiani, britannici, francesi e americani che parteciparono a queste campagne e osservarono Rommel in prima persona o furono partecipanti importanti come Eisenhower, Churchill, Goebbels, ecc.
    La maggior parte degli scrittori che hanno affrontato l'argomento di Rommel dipingono tipicamente il quadro di un genio che alla fine perse in Nord Africa solo a causa dell'ingerenza di Hitler e della delusione dei suoi alleati italiani. Questi erano fattori, ma Irving mostra che alcuni dei problemi incontrati da Rommel erano in una certa misura causati da lui stesso, e tornavano a tormentarlo nei punti cruciali. Rommel aveva molti grandi punti di forza, ma c'erano aspetti della sua personalità che a volte costituivano un problema e Irving ne illustra alcuni. Il vero Rommel, come dimostra Irving, era magnifico quando riusciva a perfezionare una vittoria e a costruirla su di essa, ma il suo punto debole era che la sua visione e la sua fiducia subirono un deciso calo quando si trovò di fronte a una sconfitta come quella di El Alamein.
    Rommel crebbe rapidamente nella Wehrmacht perché aveva lavorato a stretto contatto con Hitler fin dall'inizio, e usò questo rapporto con il comandante in capo tedesco per ottenere il comando di una divisione di carri armati per l'invasione della Francia. Era un uomo ambizioso, voleva grandi cose e non aveva problemi a chiedere ciò che voleva. Rommel era stato un fante e non aveva esperienza con i carri armati, ma si impadronì dell'arma come un talento naturale e applicò la sua maestria nell'inganno, così come la sua caparbia spinta all'avventura per spingere le sue unità a raggiungere risultati fulminei in Francia. Una di queste tattiche più efficaci era ingannare molte unità francesi affinché si arrendessero. Una volta attraversata la Mosa e sfondato i francesi a Sedan, guidò le sue unità come un matto nelle retrovie e catturò molte unità francesi incredule che le truppe tedesche potessero essere sopra di loro. Hitler rimase debitamente impressionato da Rommel in Francia, e questa performance gli valse l'Afrika Korps.
    In Africa, Rommel portò la mentalità del movimento aggressivo a un ritmo che gli inglesi non potevano affrontare immediatamente. All'inizio lavorò abbastanza bene anche con gli italiani, e le loro truppe iniziarono ad amare Rommel tanto quanto i soldati tedeschi. Le sue vittorie arrivarono in rapida successione mentre spingeva al massimo l'Afrika Corps, nonostante i problemi logistici che dovette affrontare. La sua leggenda crebbe, divenne presto la preferita di Hitler e ugualmente rispettata dai suoi avversari. Poi colpì il suo primo muro a Tobruk, quando le sue truppe raggiunsero il culmine tattico, e le forze che poteva usare per irrompere nel perimetro non erano abbastanza forti, né abbastanza supportate per irrompere. Tutti i comandanti lo sconsigliarono, ma lui tentò comunque di forzarlo e fu respinto. Mesi dopo, quando il nuovo comandante inglese cercò di ribaltare la situazione su Rommel, si offrì a Rommel una seconda possibilità di prendere Tobruk. Dopo aver spezzato la controffensiva britannica, Rommel conquistò Tobruk e raggiunse l'apice della sua carriera.
    Ancora una volta cercò di perfezionare un'altra conquista e conquistare l'Egitto, poiché Irving fornisce al lettore un resoconto completo di alcune delle idee strategiche che Rommel aveva in questo frangente, che sono assolutamente affascinanti. Rommel viene ovviamente respinto, e questo dà inizio al declino del suo atteggiamento e della sua prospettiva. Irving utilizza molte fonti per descrivere il vero Rommel. Osservazioni e opinioni reali delle grandi menti della guerra, pensieri di entrambe le parti su ciò che gli stava accadendo.
    Rommel era un uomo cambiato dopo l'Africa, ma Hitler voleva ancora che tornasse in qualche modo e gli affidò il controllo tattico della costa francese in preparazione all'invasione alleata. Quando arrivò, Rommel mostrò tutto il suo zelo precedente e la completa dedizione nel saldare e cercare di arginare la marea. Irving dimostra che il suo lavoro nel mantenere gli Alleati nella loro testa di ponte per tutto il tempo che ha fatto è stata una vera impresa. Di cui

    Voto favorevole se il contributo è stato utile (0) Voto sfavorevole se il contributo non è utile (0) Segnalazioni per rimozione

    Qualcosa è andato storto con questo contributo? Grazie per avercelo comunicato. Se puoi dirigerci nella giusta direzione...

  4. jribble33@aol.com

    [email protected]

    Libro fenomenale! Lettura molto piacevole Dall'inizio della carriera militare di Rommel fino alla sua tragica fine, questo libro tratta tutto. Assolutamente, è incredibile come la decisione di cambiare il suo capo di stato maggiore (Gause), a causa dell'antipatia di sua moglie per la moglie di Gause, alla fine abbia avuto così tante ripercussioni in Normandia e abbia finito per costare la vita a Rommel. Semplicemente un crimine che un traditore come Speidel sarebbe riuscito a liberare mentre Rommel incontrava la sua fine inaspettata. Altamente raccomandato!

    Voto favorevole se il contributo è stato utile (0) Voto sfavorevole se il contributo non è utile (0) Segnalazioni per rimozione

    Qualcosa è andato storto con questo contributo? Grazie per avercelo comunicato. Se puoi dirigerci nella giusta direzione...

  5. Stephen O'Connell

    Stephen O'Connell (proprietario verificato)

    "Rommel: The Trail of the Fox" è un libro eccellente che copre la carriera militare di Erwin Rommel, così come la sua vita privata, fino alla sua morte nel 1944. Le approfondite ricerche di David Irving e le interviste con fonti che forniscono resoconti di prima mano rendono questa biografia è interessante e molto istruttivo.

    Voto favorevole se il contributo è stato utile (0) Voto sfavorevole se il contributo non è utile (0) Segnalazioni per rimozione

    Qualcosa è andato storto con questo contributo? Grazie per avercelo comunicato. Se puoi dirigerci nella giusta direzione...

×

Accedi

Registrati

Un link per impostare una nuova password verrà inviato al tuo indirizzo email.

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza in questo sito Web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nel nostro politica sulla riservatezza.

Continua come ospite

Non hai un account? Fai login

Carrello
it_ITItalian